skip navigation
Tutto sulla logistica 02.09.2020
5 min.

Scambio pallet: ecco a cosa fare attenzione

L'interscambio di pallet è un processo semplice, ma che nasconde diverse insidie.

Dei pallet impilati pronti ad essere trasportati

Al punto di carico, il committente consegna i pallet con la merce e l'autista del camion gli rende lo stesso numero di pallet vuoti. Questa è l'idea alla base del pallet pool europeo. E, per quanto semplice possa sembrare, può comunque portare ad alcuni problemi. Riveliamo dove si trovano le trappole quando si scambiano i pallet e a cosa fare attenzione.

Di solito è lungo 120 cm, largo 80 cm e può portare fino a 1,5 tonnellate di peso. Il pallet è indispensabile per il trasporto e lo stoccaggio delle merci. Oggi tutti sanno bene come sia fatto un pallet, soprattutto grazie al successo riscosso negli ultimi anni nella realizzazione di mobili ed oggetti di arredamento in “industrial style”. Il modello in legno è anche il più noto - il pallet standardizzato dalla European Pallet Association (EPAL), contrassegnato all'esterno con i codici di marca EUR e EPAL.

I pallet di legno sono sono disponibili in tre livelli di qualità: "nuovo", "come nuovo" e "usato, ma scambiabile". A seconda del loro stato, gli europallet difettosi vengono riparati da aziende con licenza EPAL e i pallet eccessivamente danneggiati vengono rimossi dal pool di scambio.
Un’interessante alternativa all’utilizzo del legno, è stata introdotta dal Gruppo Bayer lo scorso anno grazie al GreenPallet, un pallet realizzato completamente in plastica riciclata e 100% riciclabile che, grazie ad una maggiore durabilità, ha permesso alla multinazionale tedesca di sostituire 50.000 Europallet con soli 5.000 Greenpallet, per un rapporto di 10 a 1.

Perché lo scambio di pallet?

La merce prodotta deve naturalmente essere trasportata per raggiungere il cliente. Per un trasporto sicuro su camion, la merce viene solitamente imballata sul pallet Europool, fissata e trasportata nel semirimorchio fino a destinazione. In tal caso, ad esempio, un camion vuoto con pallet vuoti si arrivato al punto di carico, in rampa, scambia questi ultimi con la merce imballata su pallet. Dopodiché, l'autista, una volta arrivato a destinazione, consegna la merce e ritira, in scambio, un numero di pallet vuoti equivalente a quelli appena scaricati. Questo per garantire che, lungo la filiera, siano sempre disponibili sufficienti supporti di carico.
Ma dietro il semplice principio dello scambio pallet ci sono delle insidie: per l'azienda di trasporto, per l'autista che esegue il trasporto e per il destinatario della merce scaricata. Abbiamo riassunto qui tre dei punti d'inciampo più frequenti.

Il problema della qualità:

1. Chi determina quale pallet è interscambiabile?

Lo scambio viene registrato sulla cosiddetta scheda pallet. Perché una scheda? Sul posto, l'autista e il destinatario devono concordare il numero di pallet da scambiare. Solo i pallet che hanno lo stato nuovo, buono come nuovo o usato sono scambiabili. Ma chi decide la qualità del pallet? Ogni autista e ogni destinatario. Se, ad esempio, il destinatario rifiuta un pallet vuoto perché pensa che non sia più utilizzabile, iniziano le difficoltà nel processo di scambio. Il destinatario può quindi insistere affinché l'autista gli fornisca un pallet di qualità sufficiente alla prossima occasione. È così che nascono i cosiddetti debiti dei pallet.

Il problema della quantità:

2. Quanti pallet deve consegnare l’autista?

Il caso più comune che impedisce un trasporto senza intoppi: il camionista deve portare con sé un numero sufficiente di pallet vuoti oltre al suo carico. Infatti, alcuni destinatari effettuano l’interscambio, ma alcuni non lo fanno. Le condizioni possono cambiare da cliente a cliente. Se l'autista non trasporta pallet vuoti per lo scambio, ad esempio perché non ha ricevuto alcuni pallet all'ultimo punto di scarico, deve fare "debiti pallet" per i carichi successivi. Egli deve cioè impegnarsi a consegnare i pallet in un secondo momento. Questo significa più complessità per il processo di trasporto.

3. Quanti pallet può ritirare l’autista?

Secondo il principio dell’interscambio, l'autista del camion dovrebbe ritirare i pallet dopo aver consegnato la merce. Cosa succede, però, se il destinatario nel punto di carico accetta la merce, ma non consegna all'autista del camion la giusta quantità di pallet della giusta qualità? Ad esempio, non vengono consegnati i pallet, la quantità è sbagliata o i pallet sono danneggiati. Il guasto deve essere documentato sulla scheda pallet e successivamente chiarito. Anche se il numero e la qualità dei pallet restituiti sono corretti, il tempo sulla rampa è spesso così breve che il destinatario mette semplicemente i pallet vuoti nel camion e a volte le indicazioni sulla nota del pallet possono essere sbagliate.

Nel complesso, lo scambio manuale dei pallet è a volte un processo poco pratico. Rende la catena di fornitura suscettibile di errori. Come minimo, in futuro sarebbe auspicabile eliminare la scheda cartacea per la gestione dell’interscambio pallet. Questo perché è possibile semplificare lo scambio di pallet con l'aiuto della digitalizzazione. La complicata procedura con carta e penna potrebbe presto essere un ricordo del passato. Aziende come PAKi o inter.PAL lavorano per semplificare la scheda pallet, che può essere emessa e presentata in formato digitale. Una missione necessaria, in quanto quasi nessun altro settore dell'industria dei trasporti necessita urgentemente di essere ottimizzato  come il processo di scambio di pallet.

Potrebbe interessarti anche:

Sostenibilità: quali sono le opzioni per le aziende di trasporti?

La filiera del legno in Italia: un’eccellenza da imitare

Iscrizione alla newsletter

Tutti i campi contrassegnati con '*' sono obbligatori.

Confermando la registrazione alla nostra newsletter, fornisci automaticamente il tuo consenso alle nostre disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Iscrizione alla newsletter


I tuoi dati personali (indirizzo e-mail, nome e cognome) verranno utilizzati per l'invio di informazioni via e-mail da parte di TIMOCOM GmbH e trasmessi alla banca dati di SC-Networks GmbH (Ufficio Registro delle Imprese: Tribunale di Monaco di Baviera, numero di registrazione: HRB 14 65 73), Enzianstr. 2 in 82319 Starnberg. SC-Networks GmbH è soggetta alla Legge tedesca in materia di protezione dei dati (BDSG) nonché alle disposizioni di TIMOCOM GmbH.

torna in alto