Novità 05.04.2020
4 min.

Coronavirus: in che modo produzione e distribuzione possono superare l’impasse nel trovare capacità di trasporti

Il coronavirus influenza le capacità di trasporto in Europa: la richiesta di carichi e merci in Europa aumenta.

Come il coronavirus influenza le capacità di trasporto in Europa

05.04.2020 - La diffusione del coronavirus influenza in modo importante il trasporto di merci su gomma in Europa. Il barometro dei trasporti dell’azienda di FreightTech TIMOCOM ha registrato nel mese di marzo una forte crescita della domanda di veicoli a livello internazionale.
A causa della richiesta di prodotti alimentari non deperibili e di altri beni di consumo, attualmente in crescita, le capacità di trasporto sono più richieste del solito a livello internazionale. A ciò si aggiungono le vacanze pasquali all'orizzonte, che potrebbero inasprire ulteriormente la situazione. Gli operatori dell’industria e del commercio devono prepararsi già da adesso a un certo impasse nel reperimento di trasporti.

La carenza di autisti nel mondo del trasporto è già stata causa negli ultimi anni di difficoltà al traffico di merci su gomma, soprattutto durante i picchi stagionali. Gli effetti del coronavirus accentuano ulteriormente questo effetto. E sono anche i dati del barometro dei trasporti TIMOCOM a dimostrarlo: complessivamente, a gennaio e a febbraio di quest’anno si sono registrati aumenti nella domanda di trasporto in tutta Europa. Rispetto al 2019, il fabbisogno è cresciuto del 9%. A febbraio 2020 questo valore è aumentato ulteriormente, facendo registrare il 13% in più di trasporti nello Smart Logistics System di TIMOCOM, rispetto allo stesso periodo del 2019.

In Italia, questo trend si conferma con gli effetti del coronavirus: a gennaio 2020 si è registrato complessivamente l’11% in più di trasporti con l’Italia come luogo di carico e scarico rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.  A febbraio 2020 questo valore è aumentato ulteriormente, facendo registrare il 34% in più di trasporti con luogo di ritiro e destinazione in Italia rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nelle prime settimane di marzo si è registrata la stessa tendenza: l’importazione di merci su gomma verso l’Italia è aumentata del 24% nei primi dieci giorni e l’esportazione, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, è aumentata dell’8%.

Secondo gli esperti di TIMOCOM, a ciò si deve aggiungere che le merci non arrivate dalla Cina hanno comportato una domanda crescente di prodotti in Europa. Inoltre, il commercio e i fornitori di generi alimentari si sono ritrovati a predisporre maggiori quantitativi di generi alimentari e beni di consumo.

Se questa tendenza permane, la domanda di spazi di carico nelle settimane 15 e 16 aumenterà ulteriormente a causa dei giorni di festa e della settimana di lavoro accorciata.

Mezzi di fornitura e di approvvigionamento diversificati garantiscono una distribuzione puntuale

 

Vista la situazione attuale, come devono comportarsi le aziende del settore dell’industria e del commercio?

Il primo passo importante consiste nel mantenere chiarezza e trasparenza a tutti i livelli della catena di fornitura durante il processo di produzione. Occorre prestare attenzione ai seguenti aspetti: quali materiali, materie prime o componenti sono necessari per quali prodotti, e in che misura? Quanti e quali clienti ne sono interessati? Quali fornitori sono coinvolti nei processi e in che misura sono interessati dalle limitazioni di capacità? Quali sono le alternative attualmente disponibili?

Per una distribuzione sicura, occorre disporre di metodi di fornitura e di approvvigionamento il più possibile diversificati. Grazie a diverse opzioni commerciali è possibile evitare le limitazioni di fornitura. I responsabili della logistica devono pertanto reagire in maniera proattiva agli sviluppi attuali e individuare gli effetti potenziali sulla propria catena di fornitura, al fine di avere a disposizione alternative rapide in caso di necessità.

 

Qui lo Smart Logistics System di TIMOCOM può essere di aiuto. Se ad esempio lo spedizioniere di fiducia non dispone di capacità di trasporto, con pochi clic è possibile trovare un partner affidabile tra oltre 43.000 aziende verificate sul mercato, tramite la Smart App Veicoli

 

 

condividi su:
torna in alto

Accetto che questa pagina utilizzi i cookie per analisi, contenuti personalizzati e promozionali. Per saperne di più